CENTRO TESSILE MILANO: IL POLO DELLA MODA

Fashion, la rivista più importante del settore della moda mondiale dedica un articolo al Centro Tessile Milano. Una spiegazione chiara e per comprendere al meglio come il...

CENTRO TESSILE MILANO: IL POLO DELLA MODA

CENTRO TESSILE MILANO: IL POLO DELLA MODA

Data di pubblicazione: 22/05/2017

Fashion, la rivista più importante del settore della moda mondiale dedica un articolo al Centro Tessile Milano. Una spiegazione chiara e per comprendere al meglio come il Centro Tessile Milano sia considerato il nuovo centro della moda Italiana ed Internazionale.

DALL’EMILIA ALLA LOMBARDIA GARA DI VELOCITÀ

Centergross di Bologna e Centro Tessile Milano di Cernusco sul Naviglio: due poli specializzati nella distribuzione di fast fashion a confronto. In primo piano gli asset vincenti e le sfide in un mercato sempre più “liquido”, con consumatori omnichannel e retailer fisici che devono affilare le armi. Giocando la carta della velocità.

In un mercato sempre più digital-oriented, con e-shopper (arrivati in Italia a quota 20,7 milioni nel 2016, +18%, secondo i dati Netcomm) conquistati dal fast shopping a portata di click, l’imperativo per i negozi sici è la velocità. Nell’interpretare la domanda, nell’adeguare l’offerta, nel riassortire i best seller. Un modello di business on demand in cui i veri specialisti sono i marchi del fast fashion, i “cugini” italiani di Zara, H&M, Primark e Uniqlo e, con loro, i grandi poli della distribuzione veloce nella Penisola, come Centergross di Bologna e Centro Tessile Milano di Cernusco sul Naviglio. A queste due realtà della moda real time, sul mercato rispettivamente da 40 e 30 anni, abbiamo chiesto quali sono le loro frecce all’arco per competere nell’arena di oggi, dove a s darsi sono catene dai grandi numeri, marketplace online sempre più tempestivi nelle consegne e nel prezzo e, soprattutto, retailer of ine chiamati ad avere una marcia in più. 

DI ANGELA TOVAZZI ©
Fonte Fashion Magazine ©


CENTRO TESSILE MILANO: «OFFRIAMO IL PRODOTTO GIUSTO AL MOMENTO GIUSTO» 
32 anni fa a Cernusco sul Naviglio nasceva il Centro Tessile Milano. Come si presenta oggi e qual è il valore aggiunto offerto ai retailer?

Con 140mila metri quadri di superficie, siamo il più grande distretto specializzato nella moda del Nord-Ovest, con marchi di abbigliamento, accessori, calzature, intimo, biancheria per la casa e tessuti. All’interno contiamo 140 aziende del fast fashion, per l’80% made in Italy, soprattutto lombarde. Il nostro
è un centro che negli ultimi anni ha guadagnato un signi cativo upgrading. A rifornirsi da noi sono retailer di
spicco della distribuzione milanese: negozi top che scelgono di af ancare le griffe con marchi di qualità e dal forte contenuto moda, con il plus di un prezzo competitivo, attratti soprattutto da un modello di business vincente.

Perché è vincente? Che cosa offrite?

Offriamo il prodotto giusto al momento giusto. Un ampio assortimento di 140 aziende che il negoziante può acquistare in tempo reale, aggiudicandosi

una rotazione settimanale degli articoli e riassortimenti ash capaci di rinfrescare continuamente la proposta dei propri punti vendita, senza appesantire il magazzino e accumulare invenduto. Per i retailer il rischio è frazionato e spalmato su più tempo, perché di volta in volta possono calibrare i loro ordini in base alle uttuazioni del mercato e all’andamento dello shopping del proprio negozio, senza l’obbligo di acquisti cumulativi al buio sei mesi prima della stagione di vendita.

Chi sono i visitatori del Centro Tessile Milano?


Per l’80% sono italiani, provenienti in primis da Milano, ma anche dalle altre province lombarde e da quelle limitrofe del Piemonte. Quelli esteri vengono soprattutto da Francia, Austria,
Spagna e Svizzera. Nel 2016 abbiamo registrato la visita di oltre 400mila operatori del settore. 


JACOPO GIULIANI, Responsabile comunicazione Centro Tessile Milano.
Fonte Fashion Magazine ©